MUSEO DELLA CIVILTÀ CAVALLERESCA - SALUZZO

Il museo è ospitato nella possente Castiglia e presenta, alla luce della storia europea, i tratti salienti dell’identità culturale espressa dai marchesi di Saluzzo e dai ceti dirigenti a essi collegati fra XII e XVI secolo, che ha lasciato segni indelebili nel patrimonio storico-artistico del Saluzzese. 

Orari

Orario estivo (1 marzo al 31 ottobre) lunedì, giovedì, venerdì, sabato dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 14 alle 18; domenica e festivi dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 14 alle 19. Orario invernale (1 novembre - 6 gennaio): domenica e festivi dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 14 alle  18.

Prima di partire verifica l'apertura contattando i riferimenti indicati.
MUSEO DELLA CIVILTÀ CAVALLERESCA
Piazza Castello
Saluzzo

Tel.:

+39 0175 2400 06

800 942 241


Email: musa@itur.it

Scopri

di più

Il riferimento all’Europa è d'obbligo: collegamenti matrimoniali, carriere ecclesiastiche e militari, riferimenti letterari (poesia trobadorica, novella di Griselda, Chevalier errant) e prestiti culturali collocano i Saluzzo e alcuni membri del loro gruppo dirigente al centro di un sistema di relazioni che li collega di volta in volta al papato, all’Impero, all’Inghilterra, al regno di Francia, a quello di Aragona, agli Angioini, al ducato di Milano, alla Sicilia, alla Sardegna e agli stati grandi e piccoli della Penisola. L’impianto narrativo del museo si sviluppa lungo un circuito ad anello, articolato in undici sale, ognuna delle quali illumina un aspetto o un momento significativo della società cavalleresca e cortese nel marchesato e presenta uno o più personaggi-chiave dei singoli momenti storici.  

SALUZZO E IL MARCHESATO

it_IT

Cosa

fare

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato

it_IT

Esperienze

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato

it_IT

Dove

dormire

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato

it_IT

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato

it_IT

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato