LASCIATI CONQUISTARE DA SAVIGLIANO

Savigliano ha il suo cuore pulsante in piazza Santa Rosa, uno degli esempi di piazza medievale meglio conservati d’Italia. Centro agricolo e culturale, fiorente snodo commerciale, la città vive il suo periodo d’oro con l’emergere della “scuola saviglianese”, una delle migliori espressioni del Barocco nel Piemonte del ‘600. La città è collegata a itinerari di trekking e cicloturismo che si spingono fino alle valli del Monviso.

Scopri

di più

Stretta tra due corsi d’acqua, il Maira e il Mellea, nel XIII secolo Savigliano è uno dei principali liberi comuni della regione. Centro agricolo, commerciale e culturale, la città vive il suo periodo d’oro tra il ‘500 e il ‘600, quando è candidata a capitale del Ducato dei Savoia e intanto si afferma la “scuola saviglianese”, una delle migliori espressioni del Barocco in Piemonte.


Al centro delle cosiddette Terre dei Savoia, la città ha il suo cuore pulsante in piazza Santa Rosa, uno degli esempi di piazza medievale meglio conservati d’Italia. Emergono l’imponente Torre Civica, il cinquecentesco arco trionfale e il monumento a Santorre di Santa Rosa, nobile patriota e rivoluzionario del Risorgimento italiano a cui la piazza è dedicata. Intrisa dell’atmosfera saviglianese, sotto i suoi portici si alternano caffè, eleganti locali e attività commerciali. Una caratteristica edicola in ferro battuto ospita inoltre l’Ufficio Turistico cittadino.


Lasciandosi alle spalle l’arco trionfale di piazza Santa Rosa, si va incontro alla chiesa collegiata di Sant’Andrea, con i cicli pittorici trecenteschi della cappella di San Nicola, tra i più antichi della città. Subito dopo, in contrada Jerusalem, Palazzo Muratori Cravetta, bell’esempio di architettura manierista, e Palazzo Taffini d’Acceglio, oggi sede del polo museale tecno-sensoriale Múses.


Sempre nel centro storico si susseguono i suggestivi spazi del Museo Civico Antonino Olmo e della Gipsoteca Davide Calandra, e del monastero di Santa Monica, oggi sede del polo universitario cittadino. A pochi passi l’ottocentesco teatro dedicato alle violiniste Maria e Teresa Milanollo,  splendido nella sua eleganza neoclassica. Ai margini della città il Museo Ferroviario Piemontese celebra invece la vocazione industriale della città: capolinea del tratto di strada ferrata che nel 1855 la collega a Torino, oggi è sede dell’Alstom, specializzata nella produzione di treni ad alta velocità.


Una rete del verde collega poi il centro storico di Savigliano alle sponde ciclabili del Maira, fino alla campagna circostante, con itinerari di trekking e cicloturismo che, attraverso paesaggi agresti tipici della cultura rurale, si spingono fino alle montagne del Monviso.

it_IT

Cosa

fare

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato

it_IT

Esperienze

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato

it_IT

Dove

dormire

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato

it_IT

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato

it_IT

Nessun risultato trovato

Nessun risultato trovato